Il corpo umano non è una macchina termodinamica che trae dal calore la sua capacità di produrre lavoro, ma trasforma l’energia chimica, le molecole, contenuta nel cibo per espletare tutte le sue funzioni. Una sana alimentazione in gravidanza, quindi, è determinante per attenuare o prevenire una serie di problematiche che insorgono durante questo periodo della vita di una donna. La corretta alimentazione previene lo stato di GESTOSI, limita la diminuzione del numero di GLOBULI ROSSI, di EMOGLOBINA ed EMATOCRITO, molto importanti per l’ossigenazione cellulare, e previene l’eccessivo aumento di peso.

Di seguito le varie fasi:

  • 1° periodo – fino alla 18° settimana – alimentazione RAFFORZANTE IL TESSUTO MATERNO per favorire l’accrescimento iniziale del feto.
  • 2° periodo – dalla 18° alla 30° settimana – alimentazione in grado di FORNIRE GIUSTA QUANTITA’ DI NUTRIENTI ed ENERGIA CHIMICA sia alla gestante che al feto.
  • 3° periodo – dalla 31° settimana al parto – alimentazione fortemente COSTITUTIVA per prevenire gestosi e caduta di fattori ematici, per mantenere l’elasticità dei tessuti che favoriscono la dilatazione in fase parto e per una rapida rigenerazione del tessuto nella fase post parto.
  • 4° periodo – allattamento – momento molto importante poiché si trasferiscono nutrienti al neonato, attraverso il latte materno. In questa fase diminuiscono le riserve organiche della madre quindi è fondamentale un corretto apporto nutrizionale.
  • 5° periodo – alimentazione post allattamento – Ricalcolo delle componenti alimentari per recuperare rapidamente tono e umore e per prevenire cadute psico-fisiche.

Per informazioni più dettagliate e consigli nutrizionali personalizzati contattare il dott. Giuseppe Faustini al numero 347/7101281.